Grissini, pizze e plumcake dal carcere delle Vallette a Verdessenza

Verdessenza_grissiniFarinanelSaccoGrissini, pizze, plumcake, biscotti e pane fatti in casa: nella casa circondariale “Lorusso e Cutugno”, il carcere delle Vallette. È qui che nasce il progetto Farina nel sacco della cooperativa sociale Ecosol, già attiva all’interno del carcere torinese da molti anni con il servizio di catering e ora con il ristorante Liberamensa, in cui “cuochi professionisti lavorano a fianco dei detenuti, regolarmente assunti, mettendo la loro esperienza e la loro passione al servizio dell’attività, per assicurare alti livelli di qualità nella preparazione, nel servizio e nella formazione”, spiegano i responsabili.

Per conoscere da vicino il progetto, venerdì 24 marzo dalle 18.30 Verdessenza ospiterà una presentazione e una degustazione dei loro prodotti, che servirà da volano per lanciare il nuovo Gruppo di Acquisto Solidale e un’idea: una cena tutti insieme all’interno del carcere. Chi viene?

Verdessenza, tutti i GAS di marzo

Castelluccio-di-norciaSempre più ricco l’elenco dei GAS, i Gruppi di Acquisto Solidale targati Verdessenza, con tutto quello che potreste desiderare mangiare in questo mese. No, le fragole non sono di stagione, mi spiace. Ma potreste consolarvi con le mele rosse di Bricherasio o gli avocado biologici siciliani, per esempio. O potreste cambiare proprio genere puntando tutto sul solidale: grissini, plumcake e pizze preparati nel carcere di Torino all’interno di un bel progetto di economia carceraria, oppure optando per lenticchie di Castelluccio, legumi e cereali da Norcia e pecorini biologici dal Maceratese provenienti dalle terre terremotate.

A voi la scelta, questo il nostro calendario gastronomico:
– ordini settimanali (entro il martedì) di frutta e verdura biologiche provenienti da una cooperativa sociale locale di Moncalieri e Carmagnola (in consegna il venerdì) e ordini entro il sabato di banane biologiche del commercio equo e solidale, con arrivo il mercoledì pomeriggio Continua a leggere

Verdessenza, febbraio a tutto GAS

verdessenza_mozzarelle_liberaterraArriva in ritardo ma arriva. La newsletter di febbraio targata Verdessenza ha atteso congiunture astrali propizie, venti e mari favorevoli, scie chimiche amiche e finalmente può essere spedita. Pronti? Ecco il menu mensile con le eccellenze del made in Italy, dai formaggi della Val Varaita alle trecce di latte di bufala campane, dai pesci del Golfo del Tigullio alle carni sostenibili piemontesi. Qui il nostro calendario gastronomico:

– ordini settimanali (entro il martedì) di frutta e verdura biologiche provenienti da una cooperativa sociale locale di Moncalieri e Carmagnola (in consegna il venerdì) e ordini entro il sabato di banane biologiche del commercio equo e solidale, con arrivo il mercoledì pomeriggio
– ordini settimanali di formaggi prodotti da un piccolo caseificio della Val Varaita: tome occitane, caprini freschi e stagionati, formaggi preparati con latti misti e, grazie a un gemellaggio, anche il parmigiano reggiano biologico da Fidenza: potete prenotare entro sabato, per gustare tutto il mercoledì. Continua a leggere

I saldi di Verdessenza

panettone-farro-bio

Tempo di saldi anche da Verdessenza: a gennaio trovate scontati vari prodotti come:

  • i panettoni grandi e mignon del commercio equo e solidale (sconto del 20%),
  • l’olio evo biologico Granoro (del 30%)
  • le marmellate bio alla pesca e albicocche a 3,90 euro.
  • la carta igienica biodegradabile con sconto del 20% (a 3.20 invece di 4 euro).

Tutti i GAS Verdessenza di gennaio

verdessenza_arancepalagoniaSatolli, appesantiti, imbolsiti. Lo sappiamo, le feste appena passate hanno avuto una serie di effetti collaterali indesiderati, lasciando sulle bilance il malcontento popolare. È arrivato allora il momento di abbandonare gli eccessi, riprendendo abitudini alimentari e stili di vita più sani. Noi di Verdessenza, come sempre, vi aiutiamo a farlo con un menu mensile completo e gustoso che contempla eccellenze del made in Italy, da frutta e verdura biologiche a pesci e carni sostenibili.
Ecco il calendario gastronomico del mese di gennaio:

  • ordini settimanali (entro il martedì) di frutta e verdura biologiche provenienti da una cooperativa sociale locale di Moncalieri e Carmagnola (in consegna il venerdì) e ordini entro il sabato di banane biologiche del commercio equo e solidale, con arrivo il mercoledì pomeriggio
  • ordini settimanali di formaggi prodotti da un piccolo caseificio della Val Varaita: tome occitane, caprini freschi e stagionati, formaggi preparati con latti misti e, grazie a un gemellaggio, anche il parmigiano reggiano biologico da Fidenza: potete prenotare entro sabato, per gustare tutto il mercoledì
  • ordini e arrivi bisettimanali di arance, limoni e mandarini siciliani, raccolti apposta per noi (altrimenti resterebbero sugli alberi e credeteci, sarebbe un vero peccato, anche perché sono buonissimi)
  • ordini settimanali di prodotti dell’Agrisalumeria Luiset di Ferrere d’Asti (carni, affettati e insaccati) da ordinare entro il lunedì e gustare il mercoledì
  • biscotti artigianali con nocciole, cioccolato, fichi e mandorle realizzati anche per vegani dalle fanciulle della Cascina Malerbe di San Raffaele Cimena, da prenotare entro il sabato e il mercoledì, per ritirarli martedì e venerdì
  • pesce dal Golfo del Tigullio: orate e branzini da prenotare entro sabato 14 con arrivo il 18 gennaio
  • le mozzarelle, ricotte e scamorze di latte di bufala bio della cooperativa Don Beppe Diana di LiberaTerra: da prenotare entro il 14, in arrivo il 18 gennaio
  • avocado siciliano: torna la varietà hass dell’avocado coltivato sulle pendici dell’Etna, da ordinare entro sabato 28, e gustare nei giorni successivi
  • il polletto del consorzio piemontese premiato Good Chicken, da prenotare entro il 21, con arrivo previsto per il 25 gennaio
  • il pesce biologico certificato dalla Valle Sacchetta: post dedicato per cefali, orate e branzini biologici provenienti da un allevamento estensivo d’eccellenza. Ordine entro sabato 28, consegna il 1° febbraio, volendo anche eviscerato
  • pietanze a base di muscolo di grano biologico per vegani e non solo: prodotte in Calabria usando farina di lenticchie e glutine di frumento bio. Si prenotano entro fine mese e arrivano a febbraio
  • pasta biologica realizzata in formati e con farine diverse, da ordinare entro fine mese
  • legumi, cereali e zuppe certificati biologici, da prenotare entro fine mese, per scaldare le successive serate.

Come al solito, maggiori info passandoci a trovare in via San Pio V n. 20/f o telefonando allo 0118198187.

La storia di Natale delle tre rastrelliere davanti a Verdessenza

verdessenza_rastrelliere1Questa è una piccola storia di Natale, o almeno lo è diventata, per via dei tempi burocratici che le sono serviti per prendere forma. Ma a noi va bene così, ché siamo animali simbolici e ci piace ancora credere alle fiabe di Natale.

È la storia, dunque, di tre rastrelliere per biciclette, apparse ieri davanti a Verdessenza ecobottega, grazie alle gesta di alcuni personaggi fantastici, che in ordine di apparizione sono:

Riccardo, Federica e tutti i nostri generosi vicini abitanti al numero 20 di Via San Pio V, San Salvario, Torino
Chiara la perseverante, con tutti gli amici dell’Agenzia per lo Sviluppo di San Salvario, che ha curato i rapporti con uffici comunali e vigili
Giovanni il temerario, che ha sfidato i giorni più freddi dell’anno per montare i tre archi.

Ma torniamo un attimo al capitolo precedente, perché, forse lo ricorderete, in principio davanti a Verdessenza abitava Ri.nuova, la rastrelliera per biciclette nata – o meglio ri.nata – a partire da pallet di recupero e ferro grazie all’idea e alla manualità di Giulio Calicchio, vincitore del bel concorso lanciato dalle associazioni ManaManà e Bazura, col patrocinio e sostegno dalla Circoscrizione 8 della Città di Torino.

Ri.nuova però ebbe sfortuna, investita più volte da automobilisti – diciamo – distratti. Da qui la richiesta dei nostri vicini di ri.muoverla (scusate il gioco), per esigenze anche di sicurezza. E una sorpresa: la messa a disposizione, in cambio, di 3 rastrelliere di proprietà privata del condominio.
Mesi di pazienza e carteggi con gli uffici preposti e poi finalmente il regalo: i tre archi da ieri sono posizionati davanti a Verdessenza e ai suoi vicini. Quasi un piccolo monumento all’altruismo, messo lì a dire che insieme tutto si può fare, che il bene privato è ancora più bene se al servizio di tutti. Per gli altri, allora, l’invito è quello di venire in bicicletta, legandola alle tre nuove rastrelliere di San Salvario. Così la storia avrà non un lieto fine, ma una lieta continuazione.

Sabato 17, doppio appuntamento da Verdessenza con Luvae e l’Amaròt

verdessenza_amarotSegnate in calendario perché sabato 17 dicembre da Verdessenza ecobottega ci sarà uno straordinario doppio appuntamento pre-natalizio di “Indovina chi viene oggi da Verdessenza“: alle 17 Luisa Abrigo presenterà Luvae, la sua linea di cosmesi naturale ricca di polifenoli perché a base di uva di Langa (qui l’evento facebook).
E a seguire, dalle 18.30 Filippo Camedda ci racconterà invece dell’Amaròt, l’amaro dolce a base di chinotto e 32 erbe, creato a San Salvario con l’amico Antonio Salvatore (qui i dettagli su fb). Uscirete da entrambi gli incontri morbidissimi, vedrete!