Verdessenza, la shopper solidale e gli altri prodotti dell’economia carceraria

VerdessenzaCosa vi porta sotto l’albero Verdessenza ecobottega per questo Natale? Tra i prodotti solidali che abbiamo selezionato per voi ci sono alcune delle eccellenze provenienti dall’economia carceraria, realizzate da detenuti e persone in semi-libertà. Perché li abbiamo scelti? Perché sono innanzitutto buoni e di alta qualità e perché sanno di riscatto sociale, di impegno e di orgoglio.
Cosa trovate da Verdessenza? I Biscotti Liberi, i panettoni tradizionali e quelli ai tre cioccolati di Guido Castagna, prodotti dalla casa circondariale “Lorusso e Cutugno” di Torino, il carcere delle Vallette. Fatti con lievito madre e ingredienti naturali, sono talmente buoni che andranno a ruba, per cui il consiglio è di correre a prenotarli dato che le tirature sono limitate.

E poi? Le birre artigianali prodotte da alcuni detenuti del carcere di Rebibbia. La birra si chiama “Vale la pena”, rientra in un progetto cofinanziato dal Ministero dell’Università e Ricerca e dal Ministero della Giustizia ed è realizzato da Semi di Libertà Onlus, che prevede la formazione e l’inclusione professionale nella filiera della birra di detenuti provenienti dal carcere romano di Rebibbia ammessi al lavoro esterno. L’obiettivo? Contrastarne le recidive, al 70% tra chi non gode di misure alternative, ed al 2% tra coloro che vengono inseriti in progetti produttivi come questo. Da Verdessenza sono arrivate la Regina Birræ (Pils, una bassa fermentazione dorata, con sentori di crosta di pane e una delicata luppolatura. Alc.5%), l’Amarafemmena (American IPA resinosa e leggermente ambrata, con finale amaro persistente ma non invasivo. Alc. 6.5%) e ‘a Gatta Buia (Schwarzbier, scura, la bassa fermentazione le dona grande facilità di beva, profumi di tostato e liquirizia, Alc. 4.5%).

Accanto a questi, e magari in abbinamento, ci sono i colorati manufatti delle detenute del progetto Made in carcere: sacche per pane (e panettoni) e presine da cucina create e cucite dalle donne delle carceri di Lecce e Trani con materiali di recupero.
E infine, per contenere e trasportare il tutto, ecco pronto il must della stagione: le shopper griffate Verdessenza ecobottega, stampate dalla cooperativa Extraliberi nel carcere di Torino, con un’altra bella esperienza di riqualificazione professionale e esistenziale.

Annunci

Natale in casa Verdessenza: le aperture straordinarie

Verdessenza_NataleE in un amen, ecco che il Natale è alle porte, anche da Verdessenza. E noi gli apriamo, ci mancherebbe. Perciò nel mese di dicembre appuntatevi che saremo quasi sempre presenti: presenti sabato 8, festa dell’Immacolata, con orario consueto 9.30-19.30, e presenti dalle 10 del mattino nelle domeniche del 16, del 23 e del 30 dicembre, pronti a soddisfare ogni vostro desiderio – buono, sano, eco e solidale – anche dell’ultimo momento.
Vi aspettiamo in via San Pio V n. 20/f. E tanti auguri, intanto.

I regali natalizi di Verdessenza, scontati e on demand entro l’8 dicembre

panettone_cioccolato_e_pesca_4Cercate un regalo natalizio bello, buono, vario e già pronto? Volete fare contenti i nonni, la collega, l’amico, la prozia di Canicattì e risparmiare anche qualcosa? Qui la soluzione.

Prenotando i vostri regali da Verdessenza entro sabato 8 dicembre avrete uno sconto del 5% per ordini inferiori ai 50 euro e del 10% per ordini superiori.

Per confezionarli, niente cestini, ché tanto poi li accatastiamo in cantina, ma la nuova shopper Verdessenza stampata da Extraliberi nel carcere “Lorusso e Cutugno” di Torino. Cosa possiamo metterci dentro? Il mondo intero, innanzitutto quello più solidale: dei prodotti dell’economia carceraria, delle terre terremotate, di LiberaTerra e del fair trade. Il tutto da innaffiare con vini locali, birre artigianali, prosecco bio, vermut e spumante.
Ecco i suggerimenti annunciati, per la prozia e non solo:

Shopper VerdessenzaChe dolcezza!‘: panettone del commercio equo e solidale + datteri della Palestina + pacchetto di Biscotto Libero del carcere di Torino + presina cucita dalle detenute del progetto Made in carcere  – 29,80 euro
Shopper VerdessenzaChe bellezza!‘: shampoo + balsamo + crema corpo del commercio equo e solidale – 33 euro
Shopper Verdessenza ‘Che delizia!’: Vermut bianco Peliti’s + panettone del commercio equo e solidale – 46,50 euro
Shopper VerdessenzaChe bontà!‘: panettone del commercio equo e solidale + bottiglia di prosecco bio + bottiglia di vino LiberaTerra + due confetture delle terre terremotate + 1 pacchetto di lenticchie di Castelluccio dalle terre terremotate + 1 pacchetto di roveja dalle terre terremotate – 60,50 euro
VerdessenzaChe sorpresa!‘: il buono in cui voi decidete importo e destinatari. Saranno loro a scegliere vivande e bevande per coccolarsi a Natale e anche dopo.

Vi ricordiamo che per usufruire della promozione gli ordini devono arrivare da Verdessenza entro l’8 dicembre, in un modo (fisicamente) o in un altro (via mail). Vi verranno confezionati nei giorni successivi, con gli sconti promessi e i nostri migliori auguri di buone feste 🙂

I GAS Verdessenza di dicembre, Natale incluso

BranzinoQuesto post sa miracolosamente di mare. Possibile? Sì, di mare e di miracoli. Come quello che ha appena condiviso il nostro fornitore ligure di pesci sostenibili, che, dopo aver temuto il peggio a causa delle mareggiate, mercoledì 5 dicembre farà la sua insperata consegna di orate e branzini da Verdessenza.
E ancora di miracoli, quelli dell’economia solidale: panettoni, biscotti e grissini del carcere, i prodotti del fair trade e quelli delle invincibili aziende delle terre terremotate, che nei prossimi giorni ci consegneranno lenticchie di Castelluccio, farro e roveja (antica varietà di piselli), confetture, succhi e salami reali da Norcia e pecorini dal Maceratese.
Insomma, questo GAS Verdessenza di dicembre, a ben pensarci, sa proprio di Natale, il Natale più bello.

Ecco tutto il menu Verdessenza del mese:
orate e branzini di Lavagna, Golfo del Tigullio, da prenotare entro sabato 1° dicembre e ritirare mercoledì 5
pollo, faraone, cappone e coniglio provenienti da un allevamento garantito e selezionato in provincia di Asti, da prenotare entro venerdì 7 e venerdì 14, con arrivo previsto per martedì 11 e martedì 18
arance, mandarini e limoni siciliani di Palagonia, da prenotare entro sabato 8 e in arrivo la settimana successiva
mozzarelle, ricotte e scamorze di latte bio di bufala della cooperativa Don Beppe Diana di LiberaTerra: da prenotare entro il 15, in arrivo il 19 dicembre
Prosecco DOC biologico vegano prodotto dalla cantina Pizzolato di Treviso, uva Glera 100%, (ottimo come aperitivo, in accompagnamento con risotti alle verdure di stagione e con piatti a base di pesce),15% di sconto sulla cassa, da prenotare entro il 12 dicembre;
– ordini bisettimanali di frutta di stagione (kiwi Hayward, pere abate, mele gala, grigie, renette e crimson) provenienti da Barge, da prenotare entro il lunedì e il venerdì, per ritirare tutto rispettivamente giovedì e lunedì
– ordini bisettimanali di verdura biologica provenienti da una cooperativa sociale locale di Moncalieri e Carmagnola (in consegna il martedì e il venerdì)
– ordini entro il sabato di banane, curcuma e zenzero biologici del commercio equo e solidale, con arrivo il mercoledì pomeriggio
– ordini settimanali di carni (anche il cotechino), affettati e insaccati dell’Agrisalumeria Luiset di Ferrere d’Asti (quella che ha i maialini nel bosco), da ordinare entro il lunedì e gustare il mercoledì
– ordini settimanali di formaggi prodotti da un piccolo caseificio della Val Varaita: tome occitane, caprini freschi e stagionati, formaggi preparati con latti misti e, grazie a un gemellaggio, anche il parmigiano reggiano biologico da Fidenza
– maltagliati e caserecce preparati con farina Senatore Cappelli e ravioles dal mel, pasta fresca prodotta col tomino dal mel di Verdessenza da un pastificio completamente artigianale di Torino, da prenotare entro il mercoledì e in arrivo il venerdì
grissini, biscotti, panettoni e cracker artigianali prodotti nel carcere di Torino “Lorusso e Cutugno” da Farina nel sacco
olio evo Marino dalla Sicilia, dalla Valle del Belice, in taniche da 5 litri
olio evo Ferrari dalla Liguria, monocultivar taggiasche, in bag in box da 5 litri
birre artigianali belghe: dalla white anche gluten free a quella preparata con il pane recuperato dai panifici di Bruxelles
vino La Torricella di Monforte d’Alba con il 15% di sconto sulla cassa di dolcetto, barbera, nebbiolo e spumante Letizia metodo classico pas dosé.

E come sempre, per maggiori informazioni, passate a trovarci in via San Pio V n. 20/f.
Vi aspettiamo.

Da Verdessenza il Black Friday è Green

PolentaBlack Friday? Macché, oggi è il Green Friday, almeno da Verdessenza Ecobottega. Che vuol dire? Che recandovi a partire dalle 11 (prima saremo chiusi, scusate) in via San Pio V n, 20/f troverete una serie di prodotti superscontati del 40% (quaranta per cento). Ma solo per oggi, che è Friday, Green Friday.

Eccoli:
– polenta istantanea bio
– alga agar-agar (per gelatine)
– affettato vegano a base di glutine di frumento e farina di lenticchie
– shampoo solido
– sapone liquido in confezione da 200 gr
– asciugamani in bambù per eco-infanti
– asciugamani in cotone bio per eco-infanti
– mutandine impermeabili per eco-infanti

Vi aspettiamo!

Degustazione di vini delle Langhe di Verdessenza in trasferta al Caffè Moderno

Torricella_spumanteVerdessenza ecobottega va in trasferta giovedì 22 novembre, invadendo il Caffè Moderno di via Silvio Pellico 11. Si porta dietro i vini dell’azienda Diego Pressenda La Torricella di Monforte d’Alba: barbera, nebbiolo e spumante Pas Dosé metodo classico, premiato dalle storiche guide Bibenda e Veronelli, che per il mese di novembre saranno in offerta da Verdessenza con lo sconto del 15% sulla cassa.
Giovedì 22 saranno presentati dal sommelier Oscar Pressenda e degustati con tapas a base di prodotti locali preparate da Simone Zedda Pascal del Caffè Moderno.

Pressenda2“L’azienda ha 13 ettari di vigneti distribuiti sulle colline del comune di Monforte e di Roddino, a un’altezza di circa 490 m s.l.m. – spiega Oscar Pressenda – Tutta l’estensione è suddivisa in vigne, più o meno grandi, ognuna con proprie caratteristiche specifiche: nome, spesso in dialetto piemontese a indicare la borgata, un precedente proprietario o la posizione, anno di impianto, vitigno impiantato, altitudine, esposizione e terroir”.
Questo e altro giovedì 22, con appuntamento alle 19 e (gradita) prenotazione da Verdessenza ecobottega allo 0118198187.

Indovina chi (pre)viene con Miriam Bertuzzi: giovedì 15 aperitivo e presentazione del libro al Caffè Moderno

MiriamBertuzziIndovina chi (pre)viene all’apericena? Esatto, Miriam Bertuzzi, psicoterapeuta, psiconcologa autrice del quasi omonimo libro edito da Altreconomia (il titolo esatto è “Indovina chi (pre)viene a cena?”), ospite giovedì  15 novembre al Caffè Moderno di via Silvio Pellico 11 (è il bar accanto al Tomato Backpackers Hotel, per intenderci).

Appuntamento dalle 19 per l’aperitivo a cura dello chef Simone Zedda Pascal che rivisiterà, senza stravolgerli, i piatti di Miriam,  preparando ricette gustose, sane e sostenibili (perché la prevenzione contro le malattie si fa anche in compagnia, gambe sotto il tavolo), usando ingredienti di stagione, biologici e locali forniti da noi di Verdessenza Ecobottega.
A seguire, la presentazione del libro con un ospite speciale, il cantautore Orlando Manfredi, a rendere la serata ancora più leggera, conviviale e salutare.

Per info e prenotazioni, chiamate allo 011 02 09 400 il Tomato Backpackers Hotel.
E vi ricordiamo che, se volete una copia del libro, la potete già trovare da Verdessenza ecobottega, in via San Pio V n. 20/f.