Informazioni su Alessandra Mazzotta

@alessandramaz

Il GAS (già) natalizio per le zone terremotate

MontiSibilliniTorna A Torino “Tutti su per terra“, il GAS (Gruppo di Acquisto Solidale) in favore delle terre terremotate, lanciato già lo scorso anno con la Circoscrizione 8 della Città di Torino e alcune realtà di San Salvario a cui quest’estate si è affiancata Slow Food. Cosa sarà possibile prenotare per riempire cesti e borse di bontà e solidarietà questo Natale? Pecorini maceratesi, farro e lenticchie di Castelluccio, composte, succhi di frutta e salsine per formaggi da Norcia. Ordini entro il 18 novembre per essere sicuri di ricevere tutto da Verdessenza ecobottega entro metà dicembre.

Tre le aziende umbre e marchigiane selezionate all’interno del Parco dei Monti Sibillini protagoniste dell’iniziativa “Tutti su per terra“, lanciata in sostegno dell’economia locale delle terre terremotate da Verdessenza con il supporto dell’Agenzia per lo Sviluppo di San Salvario onlus e di Slow Food.
“In questi mesi abbiamo collaborato con loro attraverso ordini solidali fatti anche a distanza dalle festività: è stato il nostro modo di continuare a aiutarli anche quando i riflettori si sono spenti – spiegano i promotori –. Quello che ci ha colpiti in questo anno di rapporti è stata la forza, la determinazione, la volontà di farcela nonostante tutto, senza vittimismi, certi della bontà del loro lavoro e dei loro prodotti”. E se avete già avuto la fortuna di assaggiarli, lo sapete: sono superlativi, nonostante il terremoto, nonostante l’inverno, nonostante la burocrazia.

Come funziona il GAS “Tutti su per terra”? Da Verdessenza ecobottega trovi l’elenco dettagliato dei prodotti biologici che puoi ordinare:

lenticchie di Castelluccio, farro intero e spezzato da Norcia, coltivate dal signor Nello
composte, confetture, succhi di frutta e salse per formaggi da Norcia prodotte dal signor Enrico
pecorini, ricotte salate e caci aromatizzati da Pieve Torina, Macerata, prodotti da Roberto, Francesca e dal figlio Marco.

Prenoti ciò che vuoi, nelle quantità desiderate, entro il 18 novembre. I prodotti arriveranno a metà dicembre, pronti per essere regalati e gustati a Natale. A proposito, tanti auguri!

Maggiori info passando da Verdessenza in via San Pio V n. 20/f a Torino o chiamando il numero 0118198187.

Annunci

Dai mandarini ai pesci sostenibili, ecco i GAS Verdessenza di novembre

Mandarini_VerdessenzaChe si mangia questo mese? Gambe sotto il tavolo, Verdessenza ha preparato per voi i seguenti GAS, Gruppi di Acquisto Solidali, con alcune delle eccellenze dell’Italia da mangiare:

– ordini settimanali (entro il martedì) di frutta e verdura biologiche provenienti da una cooperativa sociale locale di Moncalieri e Carmagnola (in consegna il venerdì) e ordini entro il sabato di banane biologiche del commercio equo e solidale, con arrivo il mercoledì pomeriggio
arance e mandarini non trattati dalla Sicilia, da prenotare entro l’11 novembre e poi con cadenza bimestrale
– le 
mozzarelle (anche a treccia), ricotte e scamorze di latte di bufala bio della cooperativa Don Beppe Diana di LiberaTerra: da prenotare entro il 15, in arrivo l’11 novembre
pecorini maceratesi, farro intero o spezzato e lenticchie di Castelluccio, marmellate e salse da accompagnare ai formaggi da Norcia, per il GAS pro terre terremotate, da prenotare entro il 18 per ricevere il tutto a metà dicembre
– 
pasta fresca prodotta da un pastificio completamente artigianale di Torino con farine e prodotti Verdessenza, da prenotare entro il mercoledì e arrivo il venerdì
– 
grissini, pizze, biscotti, plumcake, pan brioche prodotti da detenuti nel carcere “Lorusso e Cutugno” di Torino, all’interno del progetto Farina nel Sacco della cooperativa Liberamensa. Si prenotano ogni venerdì, con arrivo il mercoledì
– ordini settimanali di 
prodotti dell’Agrisalumeria Luiset di Ferrere d’Asti (carni, affettati e insaccati) da ordinare entro il lunedì e gustare il mercoledì
– ordini bimensili di 
formaggi prodotti da un piccolo caseificio della Val Varaita: tome occitane, caprini freschi e stagionati, formaggi preparati con latti misti e, grazie a un gemellaggio, anche il parmigiano reggiano biologico da Fidenza
– 
biscotti artigianali con nocciole, cioccolato, fichi e mandorle realizzati anche per vegani dalle fanciulle della Cascina Malerbe di San Raffaele Cimena
pasta biologica proveniente dalla cooperativa Iris di Cremona, in diversi formati e preparata con farine diverse, tutte certificate, da prenotare entro
– il 
polletto del consorzio piemontese premiato Good Chicken, da prenotare entro il 18, con arrivo previsto per il 22 novembre
– il
pesce sostenibile proveniente dal Golfo del Tigullio, in Liguria: orate e branzini da un allevamento off-shore, da prenotare anche loro entro il 25, con arrivo il 29
mango e avocado biologici provenienti dalla Sicilia, da prenotare entro fine mese
pesce biologico della Valle Sacchetta in Veneto: orate, branzini e cefali da prenotare entro sabato 2 dicembre, con arrivo mercoledì 6.

 

La salute vien mangiando: cibo e prevenzione con Miriam Bertuzzi da Verdessenza

MiriamBertuzziE chi lo dice che una dieta – e una vita – sane siano per forza scialbe di gusto? A volte il cambiamento oltre a essere più semplice del previsto, può anche essere appetitoso. A spiegarcelo, Miriam Bertuzzi, counsellor e psiconcologa, cuoca per diletto e passione, ospite sabato 18 novembre alle 17.00 da Verdessenza.

Obiettivo dell’incontro: mettere sul piatto i temi della prevenzione e del cambiamento degli stili di vita, e smontare l’associazione di idee sano-uguale-triste anche attraverso lo scambio di sensazioni, esperienze e ricette.

“Durante l’incontro verrà affrontato l’argomento della prevenzione che riguarda tutti – spiega Miriam Bertuzzi -, non solo chi si è già ammalato o per vari fattori ha più probabilità di ammalarsi. Una vita sana può essere appetibile e diventare una scelta consapevole, ancor prima che ce la imponga una malattia o qualcuno più esperto di noi”.
Specialista in progetti di prevenzione primaria con uno sguardo mirato all’ecologia delle cure, in termini di salute psico-fisica e socio-ambientali, Miriam collabora con associazioni di volontariato del territorio e conduce gruppi con donne operate di tumore e loro familiari. Ha cominciato la sua esperienza nel 2012 alla Psiconcologia delle Molinette per lo studio Diana 5 dell’Istituto dei Tumori di Milano (professor Berrino) e a giugno di quest’anno ha conseguito il Master in Psiconcologia all’Università di Napoli.

Prevenzione, organizzazione, condivisione e pazienza, tanta. “Negli anni ho raccolto suggestioni da molte persone: per alcune diventa difficile portare in tavola cibi mai preparati prima, che al supermercato non si trovano o che costano una follia. E poi che fatica cucinare cose diverse per i figli, il partner, il baracchino del giorno dopo. Ma c’è anche chi già mangiava sano, e allora perché si è ammalato? E chi è stato cresciuto secondo la dieta mediterranea, ma poi se l’è scordata e vorrebbe recuperarla. Insieme abbiamo scoperto che con un pizzico di sapore, infinita pazienza e l’arma potentissima della condivisione, il cambiamento diventa possibile e persino gustoso”. Per dimostrarlo anche a tavola, è in programma una cena a fine mese: voi state pronti.

Da Verdessenza, il massaggio la ‘Via della Luna’ con Annalisa Fasano

ViadellaLunaLo sapete che vi vogliamo bene, vero? Per questo abbiamo pensato per voi un nuovo appuntamento con il benessere psico-fisico: questo mese ospiteremo da Verdessenza Annalisa Fasano, massaggiatrice olistica e operatrice del massaggio ‘la Via della Luna’.

Venerdì 27 ottobre a partire dalle 18, Annalisa ne spiegherà benefici e principi e ci insegnerà qualche pratica faidatè.
“La via della Luna è una via di autoguarigione e di riconnessione con il proprio corpo che, attraverso efficaci tecniche mutuate dal massaggio indiano rajneesh e dal bilanciamento cranio-sacrale, aiuta il corpo a ristabilirsi e riequilibrarsi, andando verso la propria salute psicofisica“, anticipa Annalisa.

Ai partecipanti sarà poi offerta la possibilità di partecipare a un open-day dedicato da Annalisa a Verdessenza e ai suoi amici (su prenotazione), in cui testare di persona i benefici del massaggio. Poi ci direte 🙂

L’autunno sulla tavola nei GAS Verdessenza

OLYMPUS DIGITAL CAMERAL’autunno è arrivato, con i suoi colori caldi e i suoi sapori rotondi. Di cosa sa? Di zucca, zuppe e uva, per esempio. Ma anche di mango e avocado, tranquilli. Per assaporarlo al meglio, Verdessenza ha preparato per voi i seguenti GAS, Gruppi di Acquisto Solidali, con alcune delle eccellenze dell’Italia da mangiare:

pesce biologico della valle Sacchetta, in Veneto: orate e cefali cavastelli per chi ha ancora voglia di mare (almeno nel piatto), da prenotare entro oggi per gustarli giovedì 5 ottobre
– ordini settimanali (entro il martedì) di frutta e verdura biologiche provenienti da una cooperativa sociale locale di Moncalieri e Carmagnola (in consegna il venerdì) e ordini entro il sabato di banane biologiche del commercio equo e solidale, con arrivo il mercoledì pomeriggio
– le 
mozzarelle (anche a treccia), ricotte e scamorze di latte di bufala bio della cooperativa Don Beppe Diana di LiberaTerra: da prenotare entro il 7, in arrivo l’11 ottobre
– 
pasta fresca prodotta da un pastificio completamente artigianale di Torino con farine e prodotti Verdessenza, da prenotare entro il mercoledì e arrivo il venerdì
– 
grissini, pizze, biscotti, plumcake, pan brioche prodotti da detenuti nel carcere “Lorusso e Cutugno” di Torino, all’interno del progetto Farina nel Sacco della cooperativa Liberamensa. Si prenotano ogni venerdì, con arrivo il mercoledì
– ordini settimanali di 
prodotti dell’Agrisalumeria Luiset di Ferrere d’Asti (carni, affettati e insaccati) da ordinare entro il lunedì e gustare il mercoledì
– ordini bimensili di 
formaggi prodotti da un piccolo caseificio della Val Varaita: tome occitane, caprini freschi e stagionati, formaggi preparati con latti misti e, grazie a un gemellaggio, anche il parmigiano reggiano biologico da Fidenza
– 
biscotti artigianali con nocciole, cioccolato, fichi e mandorle realizzati anche per vegani dalle fanciulle della Cascina Malerbe di San Raffaele Cimena
– il 
polletto del consorzio piemontese premiato Good Chicken, da prenotare entro il 14, con arrivo previsto per il 18 ottobre
– 
pesce sostenibile proveniente dal Golfo del Tigullio, in Liguria: orate e branzini da un allevamento off-shore, da prenotare anche loro entro il 21, con arrivo il 25
mango e avocado biologici provenienti dalla Sicilia, da prenotare entro il 28 ottobre
pecorini maceratesi, roveja, farro e lenticchie di Castelluccio, marmellate e salse per formaggi da Norcia, per il GAS pro terre terremotate, da prenotare entro il 28
– 
zuppe, legumi e cereali biologici, da prenotare entro fine mese
farine certificate biologiche, adatte anche a celiaci e intolleranti al glutine, da prenotare sempre entro fine mese.

Settembre da Verdessenza, i GAS consolatori del post-vacanza

Verdessenza_CaseificioValVaraita3Tornati confusi e infelici dalle vacanze? Faticate a rientrare nei panni (pesanti) che ruolo e meteo esigono? Eh, vi capiamo! Ecco la nostra ricetta per guarire al più presto dal mal di vacanza: coccolarsi e consolarsi con il cibo, quello buono.
Per questo mese allora Verdessenza ha preparato per voi i seguenti GAS, Gruppi di Acquisto Solidali, con alcune delle eccellenze dell’Italia da mangiare:

– ordini settimanali (entro il martedì) di frutta e verdura biologiche provenienti da una cooperativa sociale locale di Moncalieri e Carmagnola (in consegna il venerdì) e ordini entro il sabato di banane biologiche del commercio equo e solidale, con arrivo il mercoledì pomeriggio
– pesce biologico della valle Sacchetta, in Veneto: orate e cefali cavastelli per chi ha ancora voglia di mare (almeno nel piatto), da prenotare entro lunedì 11 per gustarli giovedì 14 settembre
– le mozzarelle (anche a treccia), ricotte e scamorze di latte di bufala bio della cooperativa Don Beppe Diana di LiberaTerra: da prenotare entro il 16, in arrivo il 20
– pasta fresca prodotta da un pastificio completamente artigianale di Torino con farine e prodotti Verdessenza, da prenotare entro il mercoledì e arrivo il venerdì
– grissini, pizze, biscotti, plumcake, pan brioche prodotti da alcuni detenuti nel carcere “Lorusso e Cutugno” di Torino, all’interno del progetto Farina nel Sacco della cooperativa Liberamensa. Si prenotano ogni venerdì, con arrivo il mercoledì
– ordini settimanali di prodotti dell’Agrisalumeria Luiset di Ferrere d’Asti (carni, affettati e insaccati) da ordinare entro il lunedì e gustare il mercoledì
– ordini bimensili di formaggi prodotti da un piccolo caseificio della Val Varaita: tome occitane, caprini freschi e stagionati, formaggi preparati con latti misti e, grazie a un gemellaggio, anche il parmigiano reggiano biologico da Fidenza
– biscotti artigianali con nocciole, cioccolato, fichi e mandorle realizzati anche per vegani dalle fanciulle della Cascina Malerbe di San Raffaele Cimena
– il polletto del consorzio piemontese premiato Good Chicken, da prenotare entro il 23, con arrivo previsto per il 27 settembre
pesce sostenibile proveniente dal Golfo del Tigullio, in Liguria: orate e branzini da un allevamento off-shore, da prenotare anche loro entro il 23, con arrivo il 27 settembre
pasta biologica realizzata con varie farine (dalla Senatore Cappelli a quella di farro) in vari formati, da prenotare entro fine mese
– farine certificate biologiche, adatte anche a celiaci e intolleranti al glutine, da prenotare sempre entro fine mese.

 

Apertura straordinaria di Verdessenza

ApertoVe lo state chiedendo da un po’, lo so, ed ecco qua la risposta: sì, Verdessenza Ecobottega sarà aperta tutto il mese di agosto, o quasi.
Chiuderemo lunedì 14 e martedì 15 e poi tutti i sabato pomeriggio (il 12, 19 e il 26) e, come d’abitudine, il lunedì mattina. Ma per il resto: presenti all’appello! E voi?
Per qualsiasi dubbio, una telefonata, se proprio non la allunga, ottimizza la vita: 0118198187. A presto!