Aprile, dolce mangiare: tutti i GAS Verdessenza del mese

bocconcini-di-bufala-farcitiNoi pensiamo che a un certo punto smetteremo ombrelli e cappelli, per goderci un po’ di sole primaverile e giornate tiepide, per cui scommettiamo per il nuovo menu mensile di Verdessenza ecobottega su prodotti in grado di dissetarci, come le birre belghe artigianali, da accompagnare a carni sostenibili, frutta e verdura biologiche, formaggi e specialità del territorio.

Ecco in dettaglio tutto quello che trovate nei nostri GAS di aprile:
– ordini settimanali di frutta biologica da Barge, anche in formati convenienza con cassette da 10 kg, da prenotare entro il lunedì, per ritirare tutto il giovedì
– ordini settimanali (entro il martedì) di verdura biologica provenienti da una cooperativa sociale locale di Moncalieri e Carmagnola (in consegna il venerdì) e ordini entro il sabato di banane bio del commercio equo e solidale, con arrivo il mercoledì pomeriggio
– maltagliati preparati con farina Senatore Cappelli e ravioles dal mel, pasta fresca prodotta col tomino dal mel di Verdessenza da un pastificio completamente artigianale di Torino, da prenotare entro il mercoledì e in arrivo il venerdì Continua a leggere

Annunci

Che si mangia a febbraio? I GAS Verdessenza

KiwiChe si mangia questo mese con i GAS di Verdessenza? Ecco tutto quello che trovate nel paniere di febbraio, dagli antipasti alla frutta, innaffiato di nuovo da vino barbera senza-solfiti-aggiunti:
– ordini settimanali di frutta biologica da una nuova azienda di Barge appena selezionata, in formati convenienza con cassette da 10 kg anche miste, da prenotare entro il lunedì, per ritirare tutto il giovedì
– ordini settimanali (entro il martedì) di frutta e verdura biologiche provenienti da una cooperativa sociale locale di Moncalieri e Carmagnola (in consegna il venerdì) e ordini entro il sabato di banane biologiche del commercio equo e solidale, con arrivo il mercoledì pomeriggio
– maltagliati trafilati al bronzo preparati con farina Senatore Cappelli e ravioles dal mel, pasta fresca prodotta tomino dal mel di Verdessenza da un pastificio completamente artigianale di Torino, da prenotare entro il mercoledì e in arrivo il venerdì
– grissini, pizze, biscotti, plumcake, pan brioche prodotti da detenuti nel carcere “Lorusso e Cutugno” di Torino, all’interno del progetto Farina nel Sacco della cooperativa Liberamensa. Si prenotano ogni venerdì, con arrivo il mercoledì
– ordini settimanali di prodotti dell’Agrisalumeria Luiset di Ferrere d’Asti (carni, affettati e insaccati) da ordinare entro il lunedì e gustare il mercoledì
– ordini settimanali di formaggi prodotti da un piccolo caseificio della Val Varaita: tome occitane, caprini freschi e stagionati, formaggi preparati con latti misti e, grazie a un gemellaggio, anche il parmigiano reggiano biologico da Fidenza
– biscotti artigianali con nocciole, cioccolato, fichi e mandorle realizzati anche per vegani dalle fanciulle della Cascina Malerbe di San Raffaele Cimena
– le mozzarelle (anche a treccia), ricotte e scamorze di latte di bufala bio della cooperativa Don Beppe Diana di LiberaTerra: da prenotare entro il 17 febbraio, in arrivo il 21
arance tarocco, limoni e mandarini non trattati dalla Sicilia, da prenotare entro il 24 febbraio
– il polletto del consorzio piemontese premiato Good Chicken, da prenotare entro il 24, con arrivo previsto per il 28 febbraio
– avocado siciliano da ordinare entro fine mese
– “Dianae”, barbera d’Asti senza-solfiti-aggiunti in prenotazione entro fine mese.

La cena ‘sana ma buona’ con Miriam Bertuzzi: per prevenire mangiando

Verdessenza_MiriamBertuzzi2

Sana ma buona. Così sarà la cena servita mercoledì 29 novembre al Tomato Backpackers Hotel di Torino. La preparerà Miriam Bertuzzi, psiconcologa e counsellor con una passione per la cucina. E la prevenzione primaria, anche attraverso il cibo. “La prevenzione riguarda tutti noi, non solo chi per vari fattori ha più probabilità di ammalarsi o chi si è già ammalato – spiega Miriam Bertuzzi –. Una vita sana può essere gustosa per tutti e diventare una scelta consapevole”.

E se ce lo dice lei possiamo fidarci: un master in psiconcologia all’Università di Napoli, Miriam è specialista in progetti di prevenzione primaria con un’attenzione all’ecologia delle cure in termini di salute psico-fisica e socio-ambientali, collabora con varie associazioni di volontariato e dal 2012 conduce gruppi con donne operate di tumore e loro familiari, dopo l’esperienza alla Psiconcologia delle Molinette per lo studio Diana 5 dell’Istituto dei Tumori di Milano, con il professor Berrino.

Medicina sì, con un’accortezza. “Non c’è la medicina che salva, c’è la medicina che cura. Fidiamoci tenendo però anche conto della sfera psicologica, spirituale: non dimentichiamo cosa ci fa star bene, condiamo i nostri pasti di gusto, relazioni sociali, sorrisi.

Il tutto, in pratica? Mercoledì 29 novembre alle 20 siete tutti invitati alla cena al Tomato Backpackers Hotel & Café di via Silvio Pellico 11. Contributo di 12 euro, prenotate al più presto da Verdessenza Ecobottega (in via San Pio V n. 20/f) , ché i posti sono limitati. E per le bevande, vigono l’autogestione e la condivisione: portate quello che più vi aggrada e condividetelo con chi vi sta accanto. La prevenzione comincia anche da lì.

La salute vien mangiando: cibo e prevenzione con Miriam Bertuzzi da Verdessenza

MiriamBertuzziE chi lo dice che una dieta – e una vita – sane siano per forza scialbe di gusto? A volte il cambiamento oltre a essere più semplice del previsto, può anche essere appetitoso. A spiegarcelo, Miriam Bertuzzi, counsellor e psiconcologa, cuoca per diletto e passione, ospite sabato 18 novembre alle 17.00 da Verdessenza.

Obiettivo dell’incontro: mettere sul piatto i temi della prevenzione e del cambiamento degli stili di vita, e smontare l’associazione di idee sano-uguale-triste anche attraverso lo scambio di sensazioni, esperienze e ricette.

“Durante l’incontro verrà affrontato l’argomento della prevenzione che riguarda tutti – spiega Miriam Bertuzzi -, non solo chi si è già ammalato o per vari fattori ha più probabilità di ammalarsi. Una vita sana può essere appetibile e diventare una scelta consapevole, ancor prima che ce la imponga una malattia o qualcuno più esperto di noi”.
Specialista in progetti di prevenzione primaria con uno sguardo mirato all’ecologia delle cure, in termini di salute psico-fisica e socio-ambientali, Miriam collabora con associazioni di volontariato del territorio e conduce gruppi con donne operate di tumore e loro familiari. Ha cominciato la sua esperienza nel 2012 alla Psiconcologia delle Molinette per lo studio Diana 5 dell’Istituto dei Tumori di Milano (professor Berrino) e a giugno di quest’anno ha conseguito il Master in Psiconcologia all’Università di Napoli.

Prevenzione, organizzazione, condivisione e pazienza, tanta. “Negli anni ho raccolto suggestioni da molte persone: per alcune diventa difficile portare in tavola cibi mai preparati prima, che al supermercato non si trovano o che costano una follia. E poi che fatica cucinare cose diverse per i figli, il partner, il baracchino del giorno dopo. Ma c’è anche chi già mangiava sano, e allora perché si è ammalato? E chi è stato cresciuto secondo la dieta mediterranea, ma poi se l’è scordata e vorrebbe recuperarla. Insieme abbiamo scoperto che con un pizzico di sapore, infinita pazienza e l’arma potentissima della condivisione, il cambiamento diventa possibile e persino gustoso”. Per dimostrarlo anche a tavola, è in programma una cena a fine mese: voi state pronti.

Nel menu di Verdessenza pesci, frutta, pollo e formaggi: ecco tutti i GAS di giugno

verdessenza_cascinamalerbeC’è chi ha già la testa in vacanza, c’è chi in vacanza c’è già anche con il corpo. Per chi resta, per chi parte e per chi torna, presenti anche questo mese i GAS, i Gruppi di Acquisto Solidale targati Verdessenza, con prodotti bio, eco, equo e solidali per tutti i palati.

Questo il menu del mese:

orate biologiche certificate dalle Valle Sacchetta, in Veneto, in arrivo il 7 giugno (attenzione: sarà l’ultima consegna prima della pausa estiva)
– pesce dal Golfo del Tigullio: orate e branzini da prenotare entro il 10, in arrivo mercoledì 14 giugno (appuntamento dopo l’estate anche con loro)
– pasta fresca prodotta da un pastificio completamente artigianale di Torino con farine e prodotti Verdessenza, da prenotare entro il mercoledì e arrivo il giovedì
– ordini settimanali (entro il martedì) di 
frutta e verdura biologiche provenienti da una cooperativa sociale locale di Moncalieri e Carmagnola (in consegna il venerdì) e ordini entro il sabato di banane biologiche del commercio equo e solidale, con arrivo il mercoledì pomeriggio
– grissini, pizze, biscotti, plumcake, pan brioche e colombe pasquali prodotti da alcuni detenuti nel carcere “Lorusso e Cutugno” di Torino, all’interno del progetto Farina nel Sacco della cooperativa Liberamensa. Si prenotano ogni venerdì, con arrivo il mercoledì
– ordini settimanali di prodotti dell’Agrisalumeria Luiset di Ferrere d’Asti (carni, affettati e insaccati) da ordinare entro il lunedì e gustare il mercoledì
– ordini bimensili di formaggi prodotti da un piccolo caseificio della Val Varaita: tome occitane, caprini freschi e stagionati, formaggi preparati con latti misti e, grazie a un gemellaggio, anche il parmigiano reggiano biologico da Fidenza: potete prenotare entro sabato, per gustare tutto il mercoledì 7 e 21 giugno
– biscotti artigianali con nocciole, cioccolato, fichi e mandorle realizzati anche per vegani dalle fanciulle della Cascina Malerbe di San Raffaele Cimena
– le mozzarelle (anche a treccia), ricotte e scamorze di latte di bufala bio della cooperativa Don Beppe Diana di LiberaTerra: da prenotare entro il 17, in arrivo il 21 giugno
– il polletto del consorzio piemontese premiato Good Chicken, da prenotare entro il 24, con arrivo previsto per il 28 giugno
olio evo Marino dalla Sicilia, da ordinare entro fine mese, sarà in arrivo i primi giorni di luglio in latte da 5 litri
cacio sopravvissano, pecorini bio dal Maceratese, lenticchie di Castelluccio, farro e roveja, confetture, composte, salse per formaggi certificate bio e provenienti da piccole aziende per il GAS pro terre terremotate, con prenotazione entro il 7 luglio.

Come al solito, maggiori info passandoci a trovare in via San Pio V n. 20/f o telefonando allo 0118198187.

Verdessenza, febbraio a tutto GAS

verdessenza_mozzarelle_liberaterraArriva in ritardo ma arriva. La newsletter di febbraio targata Verdessenza ha atteso congiunture astrali propizie, venti e mari favorevoli, scie chimiche amiche e finalmente può essere spedita. Pronti? Ecco il menu mensile con le eccellenze del made in Italy, dai formaggi della Val Varaita alle trecce di latte di bufala campane, dai pesci del Golfo del Tigullio alle carni sostenibili piemontesi. Qui il nostro calendario gastronomico:

– ordini settimanali (entro il martedì) di frutta e verdura biologiche provenienti da una cooperativa sociale locale di Moncalieri e Carmagnola (in consegna il venerdì) e ordini entro il sabato di banane biologiche del commercio equo e solidale, con arrivo il mercoledì pomeriggio
– ordini settimanali di formaggi prodotti da un piccolo caseificio della Val Varaita: tome occitane, caprini freschi e stagionati, formaggi preparati con latti misti e, grazie a un gemellaggio, anche il parmigiano reggiano biologico da Fidenza: potete prenotare entro sabato, per gustare tutto il mercoledì. Continua a leggere

Tutti i GAS Verdessenza di gennaio

verdessenza_arancepalagoniaSatolli, appesantiti, imbolsiti. Lo sappiamo, le feste appena passate hanno avuto una serie di effetti collaterali indesiderati, lasciando sulle bilance il malcontento popolare. È arrivato allora il momento di abbandonare gli eccessi, riprendendo abitudini alimentari e stili di vita più sani. Noi di Verdessenza, come sempre, vi aiutiamo a farlo con un menu mensile completo e gustoso che contempla eccellenze del made in Italy, da frutta e verdura biologiche a pesci e carni sostenibili.
Ecco il calendario gastronomico del mese di gennaio:

  • ordini settimanali (entro il martedì) di frutta e verdura biologiche provenienti da una cooperativa sociale locale di Moncalieri e Carmagnola (in consegna il venerdì) e ordini entro il sabato di banane biologiche del commercio equo e solidale, con arrivo il mercoledì pomeriggio
  • ordini settimanali di formaggi prodotti da un piccolo caseificio della Val Varaita: tome occitane, caprini freschi e stagionati, formaggi preparati con latti misti e, grazie a un gemellaggio, anche il parmigiano reggiano biologico da Fidenza: potete prenotare entro sabato, per gustare tutto il mercoledì
  • ordini e arrivi bisettimanali di arance, limoni e mandarini siciliani, raccolti apposta per noi (altrimenti resterebbero sugli alberi e credeteci, sarebbe un vero peccato, anche perché sono buonissimi)
  • ordini settimanali di prodotti dell’Agrisalumeria Luiset di Ferrere d’Asti (carni, affettati e insaccati) da ordinare entro il lunedì e gustare il mercoledì
  • biscotti artigianali con nocciole, cioccolato, fichi e mandorle realizzati anche per vegani dalle fanciulle della Cascina Malerbe di San Raffaele Cimena, da prenotare entro il sabato e il mercoledì, per ritirarli martedì e venerdì
  • pesce dal Golfo del Tigullio: orate e branzini da prenotare entro sabato 14 con arrivo il 18 gennaio
  • le mozzarelle, ricotte e scamorze di latte di bufala bio della cooperativa Don Beppe Diana di LiberaTerra: da prenotare entro il 14, in arrivo il 18 gennaio
  • avocado siciliano: torna la varietà hass dell’avocado coltivato sulle pendici dell’Etna, da ordinare entro sabato 28, e gustare nei giorni successivi
  • il polletto del consorzio piemontese premiato Good Chicken, da prenotare entro il 21, con arrivo previsto per il 25 gennaio
  • il pesce biologico certificato dalla Valle Sacchetta: post dedicato per cefali, orate e branzini biologici provenienti da un allevamento estensivo d’eccellenza. Ordine entro sabato 28, consegna il 1° febbraio, volendo anche eviscerato
  • pietanze a base di muscolo di grano biologico per vegani e non solo: prodotte in Calabria usando farina di lenticchie e glutine di frumento bio. Si prenotano entro fine mese e arrivano a febbraio
  • pasta biologica realizzata in formati e con farine diverse, da ordinare entro fine mese
  • legumi, cereali e zuppe certificati biologici, da prenotare entro fine mese, per scaldare le successive serate.

Come al solito, maggiori info passandoci a trovare in via San Pio V n. 20/f o telefonando allo 0118198187.