Dai mandarini ai pesci sostenibili, ecco i GAS Verdessenza di novembre

Mandarini_VerdessenzaChe si mangia questo mese? Gambe sotto il tavolo, Verdessenza ha preparato per voi i seguenti GAS, Gruppi di Acquisto Solidali, con alcune delle eccellenze dell’Italia da mangiare:

– ordini settimanali (entro il martedì) di frutta e verdura biologiche provenienti da una cooperativa sociale locale di Moncalieri e Carmagnola (in consegna il venerdì) e ordini entro il sabato di banane biologiche del commercio equo e solidale, con arrivo il mercoledì pomeriggio
arance e mandarini non trattati dalla Sicilia, da prenotare entro l’11 novembre e poi con cadenza bimestrale
– le 
mozzarelle (anche a treccia), ricotte e scamorze di latte di bufala bio della cooperativa Don Beppe Diana di LiberaTerra: da prenotare entro il 15, in arrivo l’11 novembre
pecorini maceratesi, farro intero o spezzato e lenticchie di Castelluccio, marmellate e salse da accompagnare ai formaggi da Norcia, per il GAS pro terre terremotate, da prenotare entro il 18 per ricevere il tutto a metà dicembre
– 
pasta fresca prodotta da un pastificio completamente artigianale di Torino con farine e prodotti Verdessenza, da prenotare entro il mercoledì e arrivo il venerdì
– 
grissini, pizze, biscotti, plumcake, pan brioche prodotti da detenuti nel carcere “Lorusso e Cutugno” di Torino, all’interno del progetto Farina nel Sacco della cooperativa Liberamensa. Si prenotano ogni venerdì, con arrivo il mercoledì
– ordini settimanali di 
prodotti dell’Agrisalumeria Luiset di Ferrere d’Asti (carni, affettati e insaccati) da ordinare entro il lunedì e gustare il mercoledì
– ordini bimensili di 
formaggi prodotti da un piccolo caseificio della Val Varaita: tome occitane, caprini freschi e stagionati, formaggi preparati con latti misti e, grazie a un gemellaggio, anche il parmigiano reggiano biologico da Fidenza
– 
biscotti artigianali con nocciole, cioccolato, fichi e mandorle realizzati anche per vegani dalle fanciulle della Cascina Malerbe di San Raffaele Cimena
pasta biologica proveniente dalla cooperativa Iris di Cremona, in diversi formati e preparata con farine diverse, tutte certificate, da prenotare entro
– il 
polletto del consorzio piemontese premiato Good Chicken, da prenotare entro il 18, con arrivo previsto per il 22 novembre
– il
pesce sostenibile proveniente dal Golfo del Tigullio, in Liguria: orate e branzini da un allevamento off-shore, da prenotare anche loro entro il 25, con arrivo il 29
mango e avocado biologici provenienti dalla Sicilia, da prenotare entro fine mese
pesce biologico della Valle Sacchetta in Veneto: orate, branzini e cefali da prenotare entro sabato 2 dicembre, con arrivo mercoledì 6.

 

Annunci

La salute vien mangiando: cibo e prevenzione con Miriam Bertuzzi da Verdessenza

MiriamBertuzziE chi lo dice che una dieta – e una vita – sane siano per forza scialbe di gusto? A volte il cambiamento oltre a essere più semplice del previsto, può anche essere appetitoso. A spiegarcelo, Miriam Bertuzzi, counsellor e psiconcologa, cuoca per diletto e passione, ospite sabato 18 novembre alle 17.00 da Verdessenza.

Obiettivo dell’incontro: mettere sul piatto i temi della prevenzione e del cambiamento degli stili di vita, e smontare l’associazione di idee sano-uguale-triste anche attraverso lo scambio di sensazioni, esperienze e ricette.

“Durante l’incontro verrà affrontato l’argomento della prevenzione che riguarda tutti – spiega Miriam Bertuzzi -, non solo chi si è già ammalato o per vari fattori ha più probabilità di ammalarsi. Una vita sana può essere appetibile e diventare una scelta consapevole, ancor prima che ce la imponga una malattia o qualcuno più esperto di noi”.
Specialista in progetti di prevenzione primaria con uno sguardo mirato all’ecologia delle cure, in termini di salute psico-fisica e socio-ambientali, Miriam collabora con associazioni di volontariato del territorio e conduce gruppi con donne operate di tumore e loro familiari. Ha cominciato la sua esperienza nel 2012 alla Psiconcologia delle Molinette per lo studio Diana 5 dell’Istituto dei Tumori di Milano (professor Berrino) e a giugno di quest’anno ha conseguito il Master in Psiconcologia all’Università di Napoli.

Prevenzione, organizzazione, condivisione e pazienza, tanta. “Negli anni ho raccolto suggestioni da molte persone: per alcune diventa difficile portare in tavola cibi mai preparati prima, che al supermercato non si trovano o che costano una follia. E poi che fatica cucinare cose diverse per i figli, il partner, il baracchino del giorno dopo. Ma c’è anche chi già mangiava sano, e allora perché si è ammalato? E chi è stato cresciuto secondo la dieta mediterranea, ma poi se l’è scordata e vorrebbe recuperarla. Insieme abbiamo scoperto che con un pizzico di sapore, infinita pazienza e l’arma potentissima della condivisione, il cambiamento diventa possibile e persino gustoso”. Per dimostrarlo anche a tavola, è in programma una cena a fine mese: voi state pronti.

Da Verdessenza, il massaggio la ‘Via della Luna’ con Annalisa Fasano

ViadellaLunaLo sapete che vi vogliamo bene, vero? Per questo abbiamo pensato per voi un nuovo appuntamento con il benessere psico-fisico: questo mese ospiteremo da Verdessenza Annalisa Fasano, massaggiatrice olistica e operatrice del massaggio ‘la Via della Luna’.

Venerdì 27 ottobre a partire dalle 18, Annalisa ne spiegherà benefici e principi e ci insegnerà qualche pratica faidatè.
“La via della Luna è una via di autoguarigione e di riconnessione con il proprio corpo che, attraverso efficaci tecniche mutuate dal massaggio indiano rajneesh e dal bilanciamento cranio-sacrale, aiuta il corpo a ristabilirsi e riequilibrarsi, andando verso la propria salute psicofisica“, anticipa Annalisa.

Ai partecipanti sarà poi offerta la possibilità di partecipare a un open-day dedicato da Annalisa a Verdessenza e ai suoi amici (su prenotazione), in cui testare di persona i benefici del massaggio. Poi ci direte 🙂

Apertura straordinaria di Verdessenza

ApertoVe lo state chiedendo da un po’, lo so, ed ecco qua la risposta: sì, Verdessenza Ecobottega sarà aperta tutto il mese di agosto, o quasi.
Chiuderemo lunedì 14 e martedì 15 e poi tutti i sabato pomeriggio (il 12, 19 e il 26) e, come d’abitudine, il lunedì mattina. Ma per il resto: presenti all’appello! E voi?
Per qualsiasi dubbio, una telefonata, se proprio non la allunga, ottimizza la vita: 0118198187. A presto!

Dal 17 al 22 luglio, chiusura estiva Verdessenza

TornoSubitoChiusura insolita per Verdessenza, questa di luglio. Da lunedì 17 a sabato 22 compresi, piccola pausa f-estiva in via San Pio V n. 20/f. Poi ad agosto ci alterneremo in turni strategici, chiudendo solo a ridosso di ferragosto, per garantire anche i GAS agostani e non lasciarvi a stomaco vuoto. Per chi sarà in città, certo.
Per tutti, comunque e ovunque, buone vacanze e a presto!
Alessandra e Cosimo

Birre belghe artigianali, per sogni di una notte di mezza estate

Verdessenza_birre_belgheTornano a dissetarci anche quest’estate le birre belghe artigianali: 7 birre a scelta in bottiglie da 33cl e una da 50cl da stappare in queste notti di ordinanze e concerti. 

Selezionate insieme a Wim Deloof, uno dei soci fondatori della birroteca Tripel B, vi proponiamo 7 magnifiche birre per ogni occasione, dalla blanche (anche per bevitori celiaci), a quella trappista, passando per la birra ‘antispreco’ prodotta a Bruxelles con pane invenduto e recuperato, con suggerimenti su come abbinare al meglio cibi e prodotti Verdessenza. E una promozione: se scegliete 6 bottiglie avrete il 3% di sconto, se ne prendete 12, uno sconto del 5%.

Tutti dentro: cena nel carcere delle Vallette con Verdessenza

LiberamensaUna sera fuori dal comune: una sera dentro al carcere “Lorusso e Cutugno” di Torino.
Sabato 17 giugno tutti dentro: dalle 20.30 l’appuntamento è alle Vallette, per una cena preparata e servita nel Ristorante Liberamensa da detenuti e soci della cooperativa omonima.

Dall’antipasto al caffè, prezzo speciale per gli amici di Verdessenza Ecobottega: 30 euro, vini compresi. Cibi per menti libere, con ingredienti provenienti da economia carceraria e da percorsi di legalità e di recupero ambientale, sociale e territoriale. Il tutto accompagnato da tanta voglia di riscatto.

“Ci piace pensare che Liberamensa possa essere presa come una testimonianza diretta, attraverso la qualità della sua offerta, di come si possano ottenere risultati positivi quando a orientare le scelte e il lavoro c’è la convinzione che il cambiamento si può raggiungere in qualsiasi realtà”, spiegano i responsabili.

Prenotazione obbligatoria da Verdessenza entro il 10 giugno. Posti limitati.
Per motivi di sicurezza, al momento della prenotazione occorre indicare nome, cognome, data e luogo di nascita e recapito telefonico.